SABRINA CAMERA

Nata nel 1970, inizia gli studi di Danza Classica a otto anni con Evry Trimboli Massa di Genova.
A soli 12 anni Sabrina Camera viene selezionata per partecipare al corso di perfezionamento indetto dalla scuola MUDRA diretta da Maurice Bejart ospitato presso il Teatro Petruzzelli di Bari. Nel 1984 vince una borsa di studio presso l’Accademia di Danza del Teatro Nuovo di Torino.
Per la Compagnia S.P.I.D. di Milano danza in diverse produzioni, con le coreografie di Susanna Beltrami, Hans Van Manen, Jiri Kilian, Paola Olivieri.
Nel 1991 consegue il Diploma di Danzatrice ed insegnante presso la S.P.I.D. di Milano e danza al teatro Litta interpretando il ruolo di Shérezade in “Le Mille e una Notte”.
Dal 1992 al 1996 a Zurigo lavora come danzatrice e coreografa nella Compagnia Movers partecipando a numerosi tour nazionali e internazionali.
Dal 1997 al 2007 collabora in veste di danzatrice con l’Associazione Pierlombardo Danza di Milano al fianco di Luciana Savignano. La sua carriera d’interprete si estende a diverse collaborazioni in tutta Italia, con le coreografie, tra gli altri di: Franco Miseria, Mario Torella Di Romagnano, Giulia Gussago, Paolo Zenoni, Roberto Lun, Giuseppe Parente.
Al Teatro alla Scala di Milano partecipa a numerose produzioni, con le regie di Gram Vich, Giorgio Streheler, Liliana Cavani, Keita Asari, Robert Carsen, Giancarlo Cobelli.
Viene scelta anche come interprete di alcuni video musicali di Biagio Antonacci, Sting, Neffa, Zucchero.
Da qualche anno si dedica all’attività di coreografa per produzioni teatrali e per l’opera lirica, tra cui il “Trovatore” in coproduzione col Teatro Sferisterio di Macerata e “Toulouse Lautrec” al Teatro Manzoni di Milano con Carlo delle Piane per la regia di Walter Manfrè.
Ha insegnato tecnica Cunningham presso il M.A.S. (Milano) e Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi (Atelier di Teatro-Danza) e in numerose accademie professionali milanesi.
Dal 2000 collabora con Milton Fernàndez, in diversi progetti, tra i più importanti: “La Vita Facile” ispirato alla vita della Poetessa milanese Alda Merini; “Guitarra Negra” , tratto da un poema cantato del cantautore uruguaiano Alfredo Zitarrosa, danzatori-attori attraverso corpo e voce ripercorrono frammenti di vita dello stesso Zitarrosa nel suo periodo di esilio.
In questi ultimi anni ha sviluppato un proprio stile coreografico, e nel 2006 debutta anche come regista, creando lo spettacolo “Fellini. In punta di piedi” dedicato alla vita e ai film più famosi e significativi del grande Maestro.
Nel 2008 fonda insieme a Daniela Sangalli la Compagnia “Corpi Mobili” che debutta nel gennaio del 2009 con lo spettacolo “Guvot”.
Da maggio 2009 collabora come danzatrice e coreografa al Teatro No’hma.
Nel 2010 firma Regia e coreografie per la Compagnia Corpi Mobili del nuovo spettacolo “Le donne la guerra e l’amore…”